Come bruciare i grassi nellintestino. Metabolismo dei lipidi


Ultima modifica Tuttavia, mentre carboidrati e proteine si sciolgono facilmente nei liquidi digestivi, i lipidi non solo risultano insolubili, ma tendono ad unirsi insieme formando grossi agglomerati.

perdere peso invecchiando come bruciare lo strato superiore di grasso

In questo modo viene fortemente limitata l'azione digestiva delle lipasi. Per poter essere digeriti ed assorbiti i grassi devono quindi essere trasformati in aggregati solubili in acqua.

Che cos'è la lipolisi?

Questo processo, chiamato emulsionamento, avviene per opera della bileuna sostanza prodotta dal fegato e riversata nel duodeno dalla cistifellea. Gli acidi grassi a corta e media catena atomi di carbonio vengono assorbiti direttamente nell' intestino tenue e giungono al fegato dove vengono rapidamente metabolizzati.

Gli acidi grassi a lunga catena vengono assorbiti dagli enterociti le cellule dell'intestino e riesterificati a trigliceridi. Vengono poi associati al colesterolo dando luogo a particolari lipoproteine chiamate chilomicroni. I chilomicroni vengono riversati in circolo e raggiungono i tessuti periferici che trattengono solamente acidi grassi e glicerolo.

qvc perdita di peso che cosa è una buona routine di perdita di peso

I chilomicroni residui, poveri di trigliceridi come bruciare i grassi nellintestino ricchissimi di colesterolo vengono captati ed incorporati dal fegato che metabolizza il colesterolo residuo e utilizza i pochi trigliceridi rimasti per i processi metabolici.

Dopo aver sintetizzato i come bruciare i grassi nellintestino il fegato li immette in circolo incorporandoli a molecole di natura proteica. Al termine di questi processi le IDL si impoveriscono ulteriormente di trigliceridi e diventano LDL, lipoproteine ad altissimo contenuto di colesterolo.

bilancia per aiutare a perdere peso suggerimenti su come bruciare il grasso corporeo

Le LDL vengono captate dai tessuti che, in caso di necessità, prelevano il colesterolo. Se il colesterolo è presente in eccesso viene captato dagli epatociti che lo riversano nella bile e ne inibiscono la produzione endogena. Non a caso le HDL sono anche conosciute come colesterolo buono e maggiore è il loro contenuto nel sangue e minore è il rischio di sviluppare patologie cardiovascolari.

Se per eccesso di LDL o per ridotta funzione dei recettori gli epatociti non riescono a metabolizzare l'eccesso di colesterolo esse rimangono in circolo più a lungo aumentando la concentrazione plasmatica di colesterolo e predisponendo il soggetto a diverse malattie di origine cardiovascolare.

buoni modi semplici per perdere peso perdita di peso del perossido di idrogeno